Eccomi tornata…gli impegni sono tanti e le previsioni del mio primo post sono risultate delle piccole verità. Ma il Peter Pan che c’è in me, quando arriva la sera e non finisce per addormentarsi sul divano, sente forte la necessità di prendere in mano il suo diario e buttarci sopra qualche riga…

Oggi ho lavorato tanto, perché tante erano le idee che necessitavano prendere forma, e si sa, mentre stai creando il tempo scorre velocemente e tu ti accorgi che è tardi solo quando il sole diventa rosso e quasi ti abbaglia gli occhi più di quanto potesse fare quando è alto in cielo. E allora tutt’a un tratto senti la stanchezza, ma è una stanchezza gaia, come quella di un bimbo che appena finito di giocare si addormenta nel suo soffice lettino col sorriso sulle labbra.

Ultimamente sono in vena di mare…sarà il caldo di luglio, sarà la macchina rotta che mi impedisce d’andare a infilare i piedi nella calda sabbia, sarà che stamattina mi sono svegliata con un famoso ritornello in testa, ma non faccio altro che disegnare balene e utilizzare il colore blu per tutto. E il blu, per chi lo sa, non è tra i miei colori preferiti.

Però….
Il mare profuma le strade dell’isola, oggi: il Maestrale apre i pori della pelle, lava la faccia alle case, spacca le onde e la rotta. A terra, aspettando che la forza del vento si consumi.
Emil Cioran, da “Quaderni”
 
borsa grande balena
portamonete balena

interno borsellino

© 2015 Ifioridisimona | Basart webDesign.
Top